RAI Isoradio 103.3 FM Lagonegro

RAI Isoradio 103.3 FM Lagonegro, Ascolta RAI Isoradio 103.3 FM Lagonegro diretta FM Online, RAI Isoradio 103.3 FM Lagonegro radio streaming On air…


Aggiungi al tuo sito.

Puoi andare adesso? Puoi tornare domani. Va’. E sii puntuale domani. Valerie Radio volevamo soltanto dirti grazie per gli ultimi due anni e i turni di notte che hai preso Radio Grazie. E tutto il meglio per il tuo compleanno e Radio Ciao, Spacko. Voglio una pizza. Sì, una pizza con gli spinaci e un pacco da sei birre. All’ Hilf Radio all’ospedale Maria Hilf. Stanza . Hai scritto? Va bene. Se la pizza è fredda te la ficco su per il culo. Corinna è un’amica così stretta, che il ciclo ci viene sempre allo stesso momento. E abbiamo preparato qualcosa di speciale al riguardo. Sei pronta? Ci scambiamo i nostri tamponi. Corinna si mette il mio fatto a mano, col quale spero di far fallire l’industria americana dei tamponi. Arriva, ok? Mia sorella di sangue. Mia sorella di sangue. Riesci davvero a tirarli fuori? La maggior parte delle volte. L’unico piccolo svantaggio dei miei tamponi fatti in casa, è che non hanno il filo blu. Non riesco a tirarlo fuori. Ok, niente panico. Ah. Dov’era? Grazie. Dove stai andando? Ehi? Sto parlando con te. Ciao. Ciao. C’è voluto un sacco. Oh, hai ordinato tu la pizza? Fanno euro. Te ne do . Helen, non dovresti mangiare cibo ad alto contenuto di fibre dopo l’operazione? Il prezzo non è negoziabile. Mi puoi anticipare qualcosa? Sono al verde. E la mancia? Manda un grande grazie alla cucina. E di’ loro che una scimmia ubriaca potrebbe fare una pizza migliore. Va bene. Helen Memel è il mio nome. Che . Wow. Dammela. Mmm. Dammela! E’ davvero squisita. Ne vuoi un po’? No grazie, ne ho già presa un po’. Vuoi della birra? Sai che ci sono delle regole. Per te o per me? Be’, per tutti noi. Per tutti. Smettila! Cristo! Grazie. Sai la mia storia della pizza? No. No? Nah, dimmela. E’ per questo che sono così acida con il ragazzo delle consegne. Mmm. Perché voglio fare . Con molti uomini differenti. Allo stesso tempo. Sembra logico. Prima di tutto. La storia è andata avanti per un po’. Due ragazze ordinano una pizza. Ma la pizza non arriva. E così le ragazze continuano a chiamare e a lamentarsi. Un po’ di tempo dopo la pizza arriva. Ma per qualche motivo la pizza ha uno strano sapore. Così le ragazze portano la pizza da uno dei loro padri, casualmente un chimico alimentare. Continuano a pensare che la pizza sia andata a male o una cosa così. Ma le analisi raccontano una storia diversa. Sulla pizza Radio c’è la sborra di quattro uomini differenti. Allora immagino l’origine della storia così: I nostri amici sono annoiati. E poiché le protagoniste sono ragazze, hanno fantasie sullo stuprarle. Normale. Così cacciano fuori i loro cazzi e incominciano a segarsi sulla pizza . Mi piacerebbe mangiare una pizza del genere. Sarebbe come se quattro uomini mi eiaculassero direttamente in bocca. Ti è mai capitata un’opportunità del genere prima? Uh, piuttosto raramente. Ahh Radio è deliziosa. Buonanotte. Dormi. Non hai ancora i miei soldi? Mi hai fatto quasi cacare sotto, Spacko. Corinna ed io abbiamo bisogno di soldi. Corinna e te? Volete andare a vivere insieme o cosa? Qualcosa del genere. Che diamine gli prende a Michael? Cosa? Alla fine gli hai suonato il flauto magico? No. Lo hai fatto? Sono incinta. Ah. Sai, mi sto preparando a questa cosa. Penso che sia una cosa egoista da parte tua. Ma questo non cambia niente tra di noi. Questo cambia tutto. E tu lo sai. Sai perché non hai una famiglia come vorresti? Sai perché non hai amici? Tu puzzi. Mi dispiace per te. Va’ via! Alla nascita di Helen, i dottori dovettero fare una episiotomia. Mi fa venire il disgusto. C’è puzza di gas nella mia stanza. Non sento niente. Forse no. Era solo uno scherzo. Come? Ho pensato che fosse noioso senza di te. Fammi un favore e non prendermi per un cretino, va bene? No, lo faccio qualche volta. Ma non so perché. Buonanotte. Sì, fottiti anche tu, Robin. Come? Niente. Fottetevi tutti. Stronzi. Buongiorno, figliola. Buongiorno, papà. Una sorpresa? Un palloncino? Un palloncino rosso. Questo mi farà sentire di sicuro meglio, papà. Non hai idea di cosa sia? Un cuscino per le emorroidi. Ti ci puoi sedere sopra senza dolore. L’hai preso dal settore idraulica? Non è chiamato settore medico? Giusto. I tuoi capelli sono grigi. Be’. Forse dovrei lasciarti stare per adesso. E iniziare con il processo di lutto. Se te ne vai, tutti si chiederanno perché sto così bene. Mi sembra giusto. Cosa? Niente. Grazie per averlo gonfiato. Devo ritornare in strada. E’ davvero duro il tuo orario. Sì, il lavoro attende. Che lavoro fai, papà? Non hai idea di quel che faccio? Non esattamente, no. Sono un ingegnere. Dovrei diventare anch’io un ingegnere? Sì. Ma fai così schifo in matematica. Hai dolori? Sconsiglio l’uso di questo cuscino. E’ per le persone con le emorroidi non operate, e se ti ci siedi sopra, allora tutto si romperà di nuovo. La ferita sanguina? No. Allora è tutto a posto. Possiamo dimetterti. No, devo stare qui, non ho ancora avuto i movimenti intestinali. Questa pressione per defecare non porta a niente di buono. Prova in pace. A casa. Posso stare ancora un altro giorno? No, ci vedremo ancora solo se la ferita sanguinerà.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *