Radiocicletta

Ascolta Radiocicletta diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

sguardi, provocazioni lascive. Può immaginarsi. Petra, è difficile da trattare. Anche lei lo ha notato? Gli sguardi che le manda. Lo ha visto? Comunque, come stavo dicendo. Dopo aver resistito tanto come un santo. una notte ho avuto un momento di debolezza. Ciecamente mi sono giocato tutto. L’ha tenuto ben nascosto! Ben nascosto! Non è successo nulla, nulla. Lei ha opposto resistenza con falsa decenza. che io, io una volta così sicuro del successo. mi sono raffreddato e abbandonato i miei pazzi obiettivi. accontentandomi di piccoli favori. e una conoscenza dettagliata della bellezza che mai possederò. A volte, la prudenza ci fa. Stia zitto. Non è la fine della storia. L’altro giorno. quando quello di Don Fermin mi portò nella capanna del taglialegna. Ho trovato una giarrettiera di Petra. La riconobbi subito. Quindi, Petra era lì. Così sembra. Dovrei licenziarla? È geloso? No. Non sono come un cane nella mangiatoia. sebbene debba ammettere mi abbia dato fastidio. Vado a trovare quei signori noiosi. Ne ho abbastanza di questo. Ne ho abbastanza di segreti. li stiamo aspettando per giocare al gioco del fazzoletto. Bene. Numero. tre! Tre. Ana, voglio morire. Alvaro, domani è il nostro ultimo giorno. Ana. Alvaro, per l’amor di Dio! Ti amo, Alvaro. Ti amo tanto. Ti amo. Anch’io ti amo. Lo so da cinque anni. sebbene avessi dubbi, perché non hai mai detto nulla. È che tu non mi ascoltavi. Si, ti ascoltavo. Facevo finta di non indovinare. Mi amerai per sempre? Certo. Giuralo! Per sempre. Giuralo! Se non è per sempre, questo è un disonore. È un crimine terribile. Non lo dire, Ana. Si. Se mi mancasse il tuo amore. le fantasie ritornerebbero. Non ci sino fantasie, Anita. Con me non devi avere paura. Se mi lasciassi impazzirei. Ho paura del mio cervello quando sono con te. quando non penso a te. Ti adoro, Alvaro. questa è una fame insoddisfatta, Anita. Se sapessi quanto ho sognato di tenerti così. Non dire nulla. Petra, mi sposo! Mi sposo! Come l’hai conosciuto? L’ho conosciuto a Matalerejo, la cittadina del signorino. Ed è venuto qui qualche volta. Don Fermin lo ha fatto l’imprenditore di alcune fattorie.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *