Radio Tirol

Ascolta Radio Tirol diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.
Telefono: +39 0471 443050
Email: [email protected]

L’ho preso al mercato delle pulci di Barcellona. È una delle mie opere favorite. E non ha idea di chi sia l’autore? Sul retro c’è scritto qualcosa, ma sono tutti artisti anonimi che probabilmente non sanno neanche di essere artisti. Caro Salvador, ti mando il disegno a casa perché non ho l’indirizzo del collegio. Sono contenta di poterti scrivere. Sei stato tu a insegnarmi e te ne sono malto grato. Sta lavorando nel negozio della zia di Conchita e sono bravo con i numeri. Tutto grazie a te. Qui si vive bene, ma mi manca la vita delle grotte, e specialmente tu. Ogni volta che scrivo pensa alla tua mano che guida la mia. Sono certo che stai imparando molto in collegio, che leggi molti libri e vedi tanti film. Ti lascio il mio indirizzo di Bilbao, magari mi scrivi e mi racconti. Il tuo alunno, Eduardo. Salvador? Devi iniziare a vestirti tra mezz’ora. Avvisami un po’ prima. Cosa credi che sia successo con il disegno? Eduardo lo mandò a Paterna, lo avrà ricevuto mia madre. Io ero già al collegio dei preti. Non me lo mandò né me lo menzionò mai. Proverai a cercarlo? Eduardo? Ora è facile, con Google. chiedendo di lui a Paterna. Cinquanta anni dopo? È un buon soggetto per una storia e forse la scriverò, ma cercarlo sarebbe una follia. Come sarà finito in quel mercato? Non ne ho idea. Per caso. Ciò che importa è che abbia raggiunto il suo destinatario. Come va, Salvador? Ora la passiamo su quest’altro letto. Molto bene, la testa qui. Devo scoprirla un po’, va bene? Le metterò degli adesivi sul petto. Come stai, Salvador? Salve, dottore. So già tutto, chiaro che non riuscivi a deglutire! Ma stai tranquillo, te lo togliamo subito. Dottore. Dimmi. Ho ripreso a scrivere. Davvero? Che bella notizia! Già. Sono molto contento. E cos’è, un dramma o una commedia? Non lo so. Questo non si sa. Mamma? Credi che a Paterna ci sarà un cinema? Io mi accontento di avere una casa, figliolo. Stop. Stop. /, prima. Ultimo ciak. Prendilo per i piedi. No, dio solo che magari c’è un’altra soluzione. Aiutami! Non so, vediamo se. Prendilo per le ascelle! Trascinalo dai piedi. Ok, lo lasciamo davanti. Lo so. Piano. Buonanotte, Alan.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *