Radio Sunshine 99.8 FM

Ascolta Radio Sunshine 99.8 FM diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

Non è interessata a tutto. E’ interessata a quella scena: “Amo quella scena!” Un altro dirà: “Odio quella scena!” Perché ha qualcosa a che fare con la sua vita. E in quel senso non è un film. Un film cerca di calmare la gente che lo segue per puro intrattenimento. Be’, io odio l’intrattenimento. Un giorno stavamo camminando e andammo a una preview di La Sera della Prima. E gli spettatori ridevano, gli piaceva. Allora lui uscì e mi disse: “Ho fallito. Hanno capito tutta la superficie e non hanno colto il resto. E perciò ho fallito.” E tornò in sala di montaggio e lo aggiustò. Lo avrebbe fatto a modo suo. Gli Studios spendono milioni di dollari in ricerca. Testano. Fanno tutto ciò che possono perché è una spesa molto, molto grande lanciare un film, farlo piacere al pubblico. John non voleva che al pubblico piacesse. Non lo sopportava. Che fosse Mariti o La Sera della Prima il film veniva proiettato, al pubblico piaceva nelle preview, lui tornava a casa e diceva: “Accidenti, non va bene. E’ troppo facile, non voglio un film superficiale. Non voglio un pubblico che si diverte così tanto.” Tu pensi che sia perverso. Io penso che fosse coraggioso, perché ciò che sapeva era sapeva di poter fare quel tipo di film. Lo fece. Lo proiettò. Ma non era abbastanza. Doveva annoiare la gente, provocarla, entusiasmarla. E non sono cose che si vedono oggigiorno. Credo che se mostri in modo sincero la frustrazione, la paura, l’amore, la vita interiore le persone sono in grado di capire e vogliono capire i sentimenti. Quando sono sicure che non sia un errore e quando sono sicure che non le tradirai a metà film e non dovranno ritracciare la trama, penso che guarderanno con grande fascino. Non penso che tu vada a teatro per dimenticare, o al cinema per distrarti. Penso che la vita in generale sia una distrazione, e che andare al cinema è un modo per tornare, non per sparire. Ogni volta che guardi la sua opera ci sono così tanti livelli che ti si rivelano come un grande romanzo, un gran dipinto. Ed è qualcosa di davvero unico. Pochissimi cineasti hanno ottenuto questo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *