Radio Lupo Solitario

Ascolta Radio Lupo Solitario diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.
Telefono: 0331 223000
Email: [email protected]

Quello che bevi tu. Io mi stavo preparando un tè. Un tè, allora. Ma guarda. Sono felice che tu lo tenga qui. Perché sei qui? Ho impiegato anni a fare pace con questo film. Trentadue anni. Che bello. Che alberi sono, abeti? Pini. Vuoi spiegarmi perché sei venuto a trovarmi dopo anni? La cineteca ha restaurato Sabor, hanno deciso che è un classico e l’hanno inserito in una rassegna di film ambientati a Madrid. Vogliono che lo presentiamo insieme. E non sanno che non ci parliamo dai tempi delle riprese? Se lo sanno, non ne hanno fatto parola. Alberto, i pettegolezzi invecchiano e così le persone. Ti scoccia se ci sediamo? No, siediti. Grazie. Ma perché ora vuoi che lo presentiamo insieme? Perché all’epoca non l’hai presentato. Me l’hai proibito tu! Per questo credo sia giusto che ora lo presentiamo insieme. E chi ti ha detto dove vivo? Zulema. L’ho incontrata per caso e abbiamo parlato di te. Io mi faccio una stagnola. Se lo spettacolo ti ripugna, vai pure, poi ci risentiamo per la cineteca. Me ne offri un po’? Non ti riconosco, Salvador. È la prima volta? Sì. E perché vuoi provare l’eroina arrivato a questa età? Per curiosità. Di sicuro stai facendo qualche ricerca. La goccia! Vieni a darmi una mano. Mamma, ho trovato un libro. Bene, mettilo lì. Prendi. Che ne sapevo io che qui era festa? Da noi non è festa. Neanch’io lo sapevo. Che nottata ci aspetta. Che vergogna. Apri la cioccolata. Sì, mamma. Ci sono due figurine! Lascia le figurine, ora, mangiamo. Liz Taylor e Robert Taylor. Dici che sono fratelli? Immagino di sì. Mangia. Che vergogna. buttati qui come zingari. A me piace la stazione. Tu hai troppa fantasia. Ma da chi avrai preso? Copriti, ci manca solo che ti ammali. Mamma, che buco! Non me n’ero accorta. Dà qua, te lo cucio. Guarda, con l’uovo. Fatti in là, a dormire. Sai che tuo padre, al militare, aveva imparato a cucire e a rammendare? E stirava anche le camice, era molto bravo. Pensi che io andrò a fare il militare? Immagino che ci dovrai andare. Io non ci voglio andare. Neanche io. Non serve a niente. Mamma. Che c’è? Secondo te, Li Taylor glieli cuce i calzini a Robert Taylor?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *