Radio Informa

Ascolta Radio Informa diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

Amo gli schizzi di una giovinetta. Oh, perbacco! L’avete disegnato piuttosto bene, a mio parere. Signor Huntingdon, insisto che me lo ridiate. è mio e non avete alcun diritto. Dato che ci tenete così tanto, non ve ne priverò. Helen. Helen! Helen? Zia. Col passare delle settimane, la disapprovazione di mia zia per il signor Huntingdon servì solo ad aumentare la mia attrazione. Continuava a sperare che il signor Boarham mi conquistasse. Ma Arthur Huntingdon era sempre nei miei pensieri e nei mie sogni. Aspettavo con ansia ogni nostro incontro, anche se troppo raramente avevamo la possibilità di restare insieme da soli. Signorina Lawrence. Signor Hargrave. Buonasera. Lord Lowborough. Signorina Lawrence. Signor Huntingdon. Signorina Lawrence. Signor Boarham. Le sue attenzioni verso di me erano stranamente incostanti. Alle volte mi ricopriva di complimenti e apparenti attenzioni. Ma quando Annabella Wilmot era nella stanza, mi notava appena. Helen. Cosa succede? Non è niente. Niente? Niente che vi riguardi, signor Huntingdon. Siete sicura che non sia niente che mi riguardi? Per favore andatevene. Solo se mi dite a cosa state pensando. Siete eccessivamente impertinente. Volete che me ne vada? Sì. O vi devo dire un segreto? Volete che vi dica un segreto, Helen? Devo dirvi che a vostro paragone Annabella Wilmot è come una peonia sfarzosa in confronto a un dolce e selvatico bocciolo di rosa? Devo dirvi che vi amo alla follia? Sono ancora impertinente, Helen? Per favore. Vi devo dire che non posso vivere senza di voi? Non dovete dire certe cose. Perché? Perché non dite sul serio. Oh, ma sì. Non sono mai stato più serio in vita mia. Sposatemi, Helen. Cosa dite? Ditemi che mi amate. Helen. Vi chiedo perdono diecimila volte, signora Maxwell. Non siate troppo severa con me. Stavo chiedendo alla vostra dolce nipote di prendermi nel bene e nel male e. e mi stava dicendo che non poteva farlo senza il consenso degli zii. Ne parleremo in un altro momento, signore. Vi vogliono in salotto. So di essere un mostro di presunzione a sognare di possedere un tesoro simile, ma giuro, che sacrificherei anima e corpo per la felicità



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *