Radio Città Fujiko 103.1

Ascolta Radio Città Fujiko 103.1 diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

Aggiungi al tuo sito.

Perché? E’ lui che deve aiutare noi. E’ un uomo così strano Ha portato molta roba, per quanto si fermerà? Quanto occorre. C’è qualcosa di speciale? L’ultimo tipo di robot. Ne abbiamo già di robot. E sono quasi del tutto inutili. Questo è diverso. Diverso, eh? Questo è il primo della serie dei “Semidei”. Alex. Che strano nome Il maggiore mi chiama così. So perché mi ha negato la sua “ospitalità”. Ma le abbiamo ceduto il comando! Mi riferivo alla sua persona. Vorrei usare il suo corpo. Non sento attrazione per lei. Sulla Terra usiamo i nostri corpi solo per darci piacere. Per me non è così. Ha paura di lui, vero? Non ho paura di nessuno. Ha paura della sua gelosia. Lui sarebbe geloso! Ha paura dei nuovi comportamenti. Quell’uomo è un sorpassato. Spenga. Puro tessuto cerebrale. E’ umano? E’ come se lo fosse. E’ formato da miliardi di cellule neurocerebrali sintetizzate. Non ha ricevuto stimoli, è vergine per ora. Dovrà essere programmato. Un essere umano impiega Basteranno pochi giorni. Pochi giorni? Quando sarà nel robot svolgerà il vostro programma. Da solo e poi? Uno di voi due sarà obsoleto. Potremmo dare le dimissioni tutti e due, no? Dobbiamo trovare il modo di restare insieme. Il fatto è che io sono quasi arrivato al tempo limite. Speravo ci avessero dimenticati! Loro non dimenticano mai! Obsoleto Ho trovato. Schizziamo il capitano e il suo cervellone nello spazio. Dici sul serio? Di tipi simili nello spazio ne finiscono tanti! E nessuno ci fa caso! E’ un’idea orribile. E’ fantastica, invece. Blu onirici? Adesso? Perché no? Non sento niente. Sei come una bambina vuoi sempre tutto e subito! Tu senti qualcosa? Magari ora sarà diverso! Già e magari sarà peggio. Comincia a farti effetto, eh? No! Forse dovresti andare sulla Terra. Cosa? Non volevi che ci andassi! Scopri da sola dove vuoi stare. Non voglio andarci. Sì, invece. Ma non capisci che non ci tengo? Lo so che è un tuo sogno! Non ti vedrei più. Dovrà accadere prima o poi. Magnifico! Comincia a fare effetto! Mi sento un po’ su di giri! Allora, divertiamoci! Che vuoi che mi metta? Vuoi sapere cosa preferisco? II vestito di Madre Natura! So che ci vuole! II mio vestito da ballo, non l’hai mai visto! Via quella musica, disturba i suoi sensori! Voglio presentarvi Hector. Adam! Provate a dargli un ordine o a chiedergli qualcosa. A Hector? Certo. Hector, prendi da bere per il maggiore. Errore! Per fortuna non gli hai detto di stringermi la mano! Puoi andartene ora. Ci sono ancora dei particolari da mettere a punto. Esecutivo. Stavi per darmi scacco. E così lo dai tu a me! Buonasera, capitano. Buonasera. Il suo amico sa anche giocare? Sì, farebbe le mosse che farei io. Mi piacerebbe vedere. Hector ora giocherai. Hector, che ne diresti di una piccola scommessina? Non gli va di essere preso in giro. Può insegnargli il senso dell’umorismo? Non è un’esigenza prioritaria. Non si può programmare l’umorismo. Può avere tutto quello che ho io. Allora avrà un gran senso dell’umorismo! Scelga il colore. I bianchi a te, Hector. Chi gli detta le mosse? Il mio cervello.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *