Format Radio

Ascolta Format Radio diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

Arthur, fai il bravo ragazzo. Obbedisci alla signorina Myers. Il ragazzo assomiglia così tanto al padre. Arthur? Arthur? Arthur? Arthur, per favore! Non farmi questo. Mia cara, hai rinunciato alle tue responsabilità come moglie, sei inadatta come padrona di casa, e hai dato prova di non avere nemmeno il senso dei doveri di una madre. Non credo tu abbia facoltà di avere delle pretese. Dopo l’arrivo della signorina Myers, raramente mi fu permesso di restare sola con mio figlio. Lo studio e i libri furono abbandonati in favore della caccia e delle armi. Continuavo a pensare alla fuga. Non potevo più sopportare i vedere il mio bambino lasciato alla corruzione. Molto meglio che vivesse nella povertà e nella oscurità con una madre che lo amava piuttosto che nello sfarzo e nell’opulenza con un simile padre. Sono nell’umore di ammazzare gli uccelli. Andiamo, ragazzo. Il Signore ha dato all’uomo il dominio sui volatili nel cielo, sui pesci nei fiumi, e su ogni altro essere strisciante e rampicante che striscia e si arrampica sulla faccia della terra. è scritto nella Bibbia. Chiedi a tua madre se non è così. Te lo dirà. Fucile. Oggi facciamo guerra ad un fagiano. Vieni qui, ragazzo. Resta dietro di me. Quando vedi un uccello, dimmi di fare fuoco. Fuoco. Hargrave, uccello. Svelto, amico! Comunque farò di te un cacciatore, ragazzo. Ora. Va dentro. Mostralo a tua mamma. Arthur! Che cosa pensi di fare? Questo è per il giovane Nimrod. Ho detto che ne avrei fatto un cacciatore. La chiami caccia? Uccidere un uccellino in gabbia? Anche George può farcela. No, è un istinto. Lui ha l’istinto. Vero, ragazzo? E che istinto è? L’istinto dell’uomo. Ancora vino, Benson. Qui non ce n’è abbastanza. Ecco qua, ragazzo. Bevilo ragazzo, avanti. Avanti, ragazzo. Che ti succede? Bevi. Se non vuole, non lo costringere. Zitta! è colpa tua. Che gli hai fatto, eh? Bevilo. Bevilo! Siediti! Benson, occupatene tu. Subito, servo! Non starò qui una notte di più. Potrei sopportarlo per me stessa, ma mio figlio non può reggere ancora a lungo. Ma che farete? Mi dispiace, Rachel. Dovrai tornare a casa o trovarti un altro posto.

Telefono: 06.69.30.10.80



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *