DJK International

Ascolta DJK International diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

Gente, rimanete in questa città! C’è molto lavoro e tanti appartamenti! Acqua! Acqua! Acqua! Acqua! Lucyna, acqua! Acqua! Acqua! Acqua! Non dovresti farlo. Perché? Perché non dovresti! Fammi assaggiare! No, no! Acqua! Grazie. Entriamo? No! Non vuoi essere registrato? Non sono un rimpatriato! Quando sarò la figura più importante qui, vieni da me! Va bene. Sono sicuro che sarò sindaco. In bocca al lupo! Maleducato! Ciao! Dove vai? In campagna! Per vendere qualcosa? No! Voglio comprare qualcosa da mangiare! Compra anche qualcosa per me! Va bene! Delle patate! Le stesse che prendi per te! E’ tuo? Che cosa? Questo! Sì, sì. E’ mio! Non ti piace? Non c’era niente di meglio? Almeno nessuno sarà tentato di prendermelo. Sono in pace, qui. E’ pericolante. Non hai paura? Non ho paura di niente. Qui si sta bene. Ti va di pulire? Sì. L’ho sempre fatto a casa. Sai cucinare? Sì. Allora siamo d’accordo. Fai pure cena. Tu mangi e gli avanzi li tieni per me. Kenkarta? E’ bruciata nella rivolta. Hai due testimoni? Li avrò. Ci sono testimoni dappertutto. Cosa sai fare? Niente. Noi non abbiamo lavori d’ufficio. Trasporto di barili, maneggio di presse, carico e scarico di materiali. Allora? Io sono un uomo. Solo da poco, sembra. Vai dalla signorina Olga Starenska. Al piano di sopra. Il prossimo! Dyl Stanislaw. Buongiorno. Buongiorno. Benvenuto. Nome? Mi chiamo Bohdan Nieczuja. Bogdan? Bohdan. Io chiamo tutti col loro nome. E’ molto carino. Così abbiamo uno scapolo, qui. Almeno uno. Bene. Scendi e carica le botti. Sei sicuro che questo lavoro ti piacerà? Qualsiasi lavoro mi andrà bene, signora. Come va, sindaco? Così così. Qui l’acqua fa schifo. Finalmente! Mi stavi aspettando? Sono abituata. A casa abbiamo sempre aspettato nostro padre per la cena. Hai mangiato? No. Ho una fame da lupo! Ho preparato qualcosa di sostanzioso. Borscht ucraino. Il mio piatto nazionale. Cibo! Alzati, o prenderai un raffreddore! Tua sorella non sarà sorpresa che torni così tardi? Perché non stai urlando? Tua sorella non dice niente? Si fida di me. Cosa farai? Andrai dritta a letto? Non lo so. Non abbiamo libri. Chiacchiereremo. Di cosa?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *