DimensioneItalia.Net

Ascolta DimensioneItalia.Net diretta FM Online, radio streaming On air Qualità e trasmissione continua.

diventavano sempre più lunghe. Passavo molti mesi da sola in quella grande casa, con mio figlio quale unica consolazione. Amavo sempre mio marito. E, a modo suo, anche lui mi amava. Papà! Papà! Oh, ma com’è diverso dall’amore che avrei potuto dare e che un tempo avevo sperato di ricevere. Ora, ecco, ragazzo mio. Ho continuato a prendermi cura della tranquillità di una casa vuota, disturbata solo dalle visite degli amici di Arthur. Helen, mia cara, come state? è passato tanto tempo. Signora Huntingdon. Signora Huntingdon. George. perché non ti unisci agli uomini? Fai la figura dello sempre qui appiccicato alle donne. Molto bene. Poiché la mia presenza ti è sgradita, te ne libererò. Vi starebbe proprio bene, Annabella, se tornasse alle sue vecchie abitudini. Allora ne sareste dispiaciuta. Al contrario, non mi interesserebbe se sua signoria ritenesse opportuno ubriacarsi tutte le sere. Via. Fuori! Eccoti. Avanti. Forza, ti divertirai anche se lo odi. Via da me, ubriacone! Ralph. Per favore, basta. Che ti succede? Perché piangi? Non sto piangendo. Non mentirmi. Dimmelo! Perché piangi? Ralph, per favore. Non siamo a casa ora. Dimmelo! Dimmelo. Come puoi permettergli di trattare tua sorella in quel modo? Avanti, Hattersley, lasciala. Mostrale un po’ di rispetto. è tua moglie. Signor Hargrave, avete visto mio marito? Non da quando. non da quando è uscito. Uscito? Ha detto che aveva bisogno di aria. Oh, mia cara. Helen. Ti ho sorpreso? Che ci fai qui? Ti prenderai freddo. Entra. Sciocchezze, è una serata fantastica. Ti porterà alla morte, pazza creatura. Per favore. Ritorna dai tuoi ospiti. Verrai dentro? Tra un attimo. Non possiamo stare qui. Lo so, l’ho vista. Ti ho visto baciarla. Non ho potuto farne a meno. E poi. Non ti ho forse vista baciare quello stolto di tuo marito centinaia di volte? Sì. Ma tu la ami ancora, vero? No, niente affatto, lo giuro su quello che mi è più sacro. Arthur. Vieni qui. Voglio parlarti. Che stai facendo. seduta qui sola al buio? Sembri un fantasma. Non ti siedi? Ti lascerei stanotte, e non tornerei mai più sotto questo tetto, se non fosse per mio figlio. Di che parli, Helen?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *